La mancanza di dati sugli stock e di incentivi per reperirli ostacola la strada verso la sostenibilità della pesca indonesiana del tonno

7 del mattino: Labuhan Lombok, Indonesia. Sulla M/V Nusa Indah 2, lunga poco più di nove metri, è lʼora dello scarico. Lʼequipaggio scoperchia il portello della stiva e, dalla vasca sottostante, tira fuori i tonni a pinna gialla dal ghiaccio. I behemot dalla pelle color argento pesano circa 70 chili ciascuno e ci vogliono 3 uomini per spostare un pesce lungo il ponte della barca verso il camion industriale che lo attende. Eppure, a tirare su il pesce dallʼoceano è un solo uomo che non usa nientʼaltro che le sue due mani, un amo e 5 metri di filo di nylon da un millimetro di spessore, spiega Hasdi, un membro dellʼequipaggio della Nusa Indah 2.

“La lotta può durare cinque minuti,“continua. “Come può durare unʼora!“

Sistemi di pesca come questi, con la lenza a mano, rappresentano il modo più sicuro per evitare di sbarcare catture accidentali e, perciò, la forma di pesca del tonno più sostenibile, ha affermato John Burton, Presidente della Pole and Line Foundation (Fondazione per la pesca a canna), allʼapertura del Coastal Tuna Business Forum tenutosi il mese scorso a Bali, in Indonesia.

Gli equipaggi sono formati da sei a sette uomini. Le bordate di pesca durano dai 10 ai 14 giorni. Gli uomini lavorano dallʼalba al tramonto. Lʼequipaggio siede a poppa, controllando le lenze da pesca tenute a galla da taniche di plastica. Quando una tanica sobbalza, un uomo dellʼequipaggio tira la lenza a bordo. Tutti gli altri si spostano verso la parte anteriore della barca per non essere d’intralcio.

Se allʼamo compare una tartaruga o uno squalo, lʼequipaggio taglia il filo e lʼanimale nuota via. Gli equipaggi di pesca con lenza a mano possono arrivare a catturare qualcosa come dieci tonni al giorno, ma anche uno solo.

Handline fishermen offload three days worth of tuna landings from the M/V Nusa Indah 2 at the harbor in Lambuhan Lombok in Indonesia. Photo by Melati Kaye.
Pescatori che utilizzano la lenza a mano scaricano il valore di tre giorni di pescato dalla M/V Nusa Indah 2 al porto di Lambuhan Lombok in Indonesia. Foto di: Melati Kaye.

Secondo la stima di Burton, lʼIndonesia, principale luogo d’origine del tonno di tutto il mondo, sbarca 100.000 tonnellate di tonno con queste tecniche artigianali a basso impatto ambientale. Si tratta di meno di un decimo degli sbarchi nazionali di tonno. Eppure solo una piccola parte viene venduta con marchi di qualità ecologica, che nei supermercati americani ed europei fanno aumentare il prezzo di pesce e frutti di mare pescati in modo sostenibile.

Il motivo è che i marchi di qualità ecologica richiedono registrazioni delle catture e valutazioni degli stock ittici a dimostrazione che l’industria ittica può sostenere la quantità di pesce pescato, ma qui in Indonesia ciò non avviene con sistematicità, o non avviene affatto. Una gestione ittica efficace dipende da dati attendibili, che in Indonesia non esistono, e una tale mancanza rende impossibile parlare di sostenibilità.

I consumatori occidentali sono sempre più attenti all’acquisto di pesce sostenibile e, negli ultimi anni, il settore privato ha cercato di migliorare la tracciabilità di dove e come i propri prodotti sfilettati e inscatolati vengano pescati. Questo è un requisito richiesto alle aziende ittiche per la certificazione del Consiglio di Intendenza Marittima (MSC), il principale marchio di qualità ecologica per pesce e frutti di mare. Al momento nessuna azienda ittica indonesiana ha la certificazione MSC, e il rilascio della certificazione è di alta priorità per i fornitori che acquistano il pesce qui.

“Molti rivenditori si sono impegnati a vendere dal 70 al 90% di pesce con il marchio MSC per il 2015 o il 2016,” ha spiegato Helen Packer, coordinatrice scientifica di Anova Food, azienda di trasformazione del tonno, con sede in Florida, controllata dal gigante del tonno Bumble Bee Foods. Secondo quanto dichiarato a mongabay.com, Packer sostiene che, inevitabilmente, il mercato richiederà presto la certificazione MSC per tutti i prodotti a base di tonno. “Le scadenze si avvicinano e dobbiamo tenerci al loro passo per difendere la nostra quota di mercato.“

A man transports low-quality skipjack tuna to the local market in Lambuhan Lombok, Indonesia. If the fish had been kept fresher it would be frozen and processed to sell as canned tuna in the U.S. or Europe. Photo by Melati Kaye.
Un uomo trasporta tonnetti striati di bassa qualità al mercato locale di Lambuhan Lombok, Indonesia. Se il pesce fosse stato mantenuto più al fresco, sarebbe stato congelato e lavorato per essere venduto come tonno in scatola negli Stati Uniti o in Europa. Foto di: Melati Kaye.

Nel 2010 Anova ha intrapreso un progetto di miglioramento della pesca (FIP) per il proprio tonno a pinne gialle (Thunnus albacares) pescato con la lenza a mano. Bumble Bee ha aderito al progetto quando ha rilevato Anova nel 2013.

Per distinguersi come produttori sostenibili di pesce, i fornitori possono ambire a ottenere la certificazione MSC. Se non ci riescono subito, possono aderire a un progetto di miglioramento della pesca che spesso comporta un impegno di diversi anni verso quegli obiettivi che portano all’idoneità MSC. Tuttavia, un recente documento programmatico pubblicato sulla rivista Science ha mostrato che molte aziende coinvolte in progetti di miglioramento della pesca conseguono la certificazione in tempi lunghi, mentre alcune probabilmente non la conseguiranno mai.

Anche organizzazioni della società civile possono portare avanti progetti di miglioramento della pesca e piccoli progetti possono entrare a far parte di progetti più grandi. Per esempio, nel 2009 in Indonesia il WWF ha condotto una valutazione preliminare alla MSC delle aziende del tonno e ha successivamente creato il progetto di miglioramento della pesca che è stato chiamato “Piano dʼazione” per il tonno, che offre alle aziende e ai gruppi della società civile una tabella di marcia per colmare tutte le lacune riguardanti la sostenibilità allo scopo di ottenere la certificazione MSC.

A man transports low-quality skipjack tuna to the local market in Lambuhan Lombok, Indonesia. If the fish had been kept fresher it would be frozen and processed to sell as canned tuna in the U.S. or Europe. Photo by Melati Kaye.
Un supervisore di unʼazienda che acquista pesce con sede a Labuhan Lombok controlla il trasferimento a un impianto di trasformazione. Le aziende ingaggiano supervisori a tempo pieno sui moli per assicurarsi che le imbarcazioni che comprano a credito ghiaccio e provviste non vendano il loro pesce ad altre aziende. Foto di Melati Kaye.

Con il suo progetto di miglioramento della pesca, che è rientrato in uno più ampio del WWF, Anova, e ora Bumble Bee, ha preso in carico la mancanza di dati sugli stock di tonno che interessa l’Indonesia. Oggi, le stime sullo stock nazionale di tonno vengono stilate da spedizioni scientifiche periodiche: numeri per lʼamministrazione regionale e nazionale raccolti da volontari del luogo, numeri raccolti da aziende che portano avanti progetti per la raccolta di dati, come Anova, e altri numeri ancora messi insieme da organizzazioni portuali non governative o negli stabilimenti.

Anova ha istituito dei punti di raccolta dati in cinque siti dellʼIndonesia orientale, tra cui Labuhan Lombok. Con i loro pescherecci con reti da circuizione e pescherecci con palangari sparsi da qualche parte nel Pacifico, stanno cercando di assicurarsi che vengano redatti i giornali di bordo e che ogni imbarcazione abbia degli osservatori a bordo. Ciononostante, la raccolta di dati si sta rivelando difficile per tutti i tipi di industria del tonno e questo ostacola gli sforzi per migliorare la gestione della pesca.

“Le imbarcazioni che praticano la pesca con lenze a mano non compilano il giornale di bordo, lo fa una terza parte una volta che il pesce è entrato nel porto,” ha dichiarato a mongabay.com il comandante della capitaneria di porto di Labuhan Lombok, Herman Effendi. Il lavoro di Effendi comprende la certificazione della legalità della cattura. “Questa pratica rende il mio lavoro più complicato. Se i numeri dei documenti non corrispondono al vero, a chi dovrei attribuire la responsabilità, al firmatario di terza parte dei documenti? O ai pescatori stessi?””

Perfino per i pescatori che sanno leggere e scrivere gli addetti alla conta del pesce rappresentano un intralcio. “Qui la gente non vede il motivo per raccogliere i dati,” spiega Riza Baroqi, supervisore del sito di Labuhan Lombok per Masyarakat dan Perikanan Indonesia, lʼorganizzazione della società civile che effettua la raccolta dati grazie a donazioni da parte di Anova. “La gente chiede: “perché quantificare il pesce? Cosa ne ricavo? ” Vuole il profitto immediato, non guarda al futuro. Questo significa ottenere informazioni complete solo su un terzo del pescato.”

A man transports low-quality skipjack tuna to the local market in Lambuhan Lombok, Indonesia. If the fish had been kept fresher it would be frozen and processed to sell as canned tuna in the U.S. or Europe. Photo by Melati Kaye.
Foto di: Melati Kaye.

Più il compratore è piccolo e distante dalla vendita ai mercati occidentali e più la gente è riluttante a partecipare alla raccolta di dati per i progetti di miglioramento della pesca.

Baura, unʼazienda con sede a Labuhan Lombok che compra il tonno pescato con la lenza a mano dal Nusa Indah 2, acconsente con riluttanza alla conta del pesce da parte degli addetti, pur non comprendendone il vantaggio. “Non ci spiegano quale sia il vantaggio per i pescatori, perciò non vogliamo aderire a un progetto per il miglioramento della pesca,” ha dichiarato a mongabay.com Asker Daeng Sila, junior manager di Baura.

La differenza nel livello di preoccupazione e nella volontà di attenersi alle regole è solo questione di incentivi. I venditori al dettaglio possono chiedere direttamente ai consumatori da due a cinque dollari in più per ogni scatoletta o filetto di tonno con marchio di qualità ecologica, ma il rincaro non passa ai fornitori, men che meno ai pescatori. I venditori al dettaglio, invece, fanno solo pressione. Si gustano la carota mentre agitano il bastone.

Workers at Labuhan Lombok-based tuna buyer Baura trim tails and fins off yellowfin tuna for export from Indonesia to Japan, the U.S., or Europe. Photo by Melati Kaye.
Lavoratori di Baura, acquirente di tonno con sede a Labuhan Lombok, tagliano la coda e le pinne dei tonni a pinna gialla destinati allʼesportazione in Giappone, Stati Uniti o Europa. Foto di: Melati Kaye.

Packer di Anova ha ammesso la veridicità di questa critica. “I venditori non collaborano ai progetti di miglioramento della pesca e non offrono un incentivo in termini di prezzo ai fornitori. Capisco perché ci fanno solo pressione. Se iniziassero a collaborare, dovrebbero farlo per tutte e venti le specie dei loro punti vendita,” afferma.

Le controparti delle industrie indonesiane più piccole sono, invece, meno comprensive. “Vogliamo solo essere apprezzati per quanto abbiamo fatto finʼora,” ci ha detto Ivan Hans Jorgih, direttore generale di Pt.Intimas Surya. Intimas Surya, azienda indonesiana di lavorazione del pesce, porta avanti due progetti di miglioramento della pesca e ha messo osservatori ittici governativi su tutte le sue sette imbarcazioni con palangari, che totalizzano metà del suo sbarco, per raccogliere dati scientifici utili allʼanalisi dello stock e per addestrare gli equipaggi a mettere insieme dati sulla cattura. Inoltre, nei porti delle isole Maluku lʼazienda ha assunto addetti alla conta del pesce che quantificano la cattura effettuata con lenza a mano, che rappresenta un altro sesto dei suoi sbarchi.

Initimas Surya è andata ancora oltre creando un proprio marchio,“raccolta responsabile,” che vende a Safeway e altre catene di supermercati statunitensi. “Per fortuna i nostri sforzi ancora non comportano costi aggiuntivi al chilo, ma ci piacerebbe ricevere una ricompensa per quello che facciamo,” ha detto Jorgih.

A man transports low-quality skipjack tuna to the local market in Lambuhan Lombok, Indonesia. If the fish had been kept fresher it would be frozen and processed to sell as canned tuna in the U.S. or Europe. Photo by Melati Kaye.
Lavoratore della Baura, azienda acquirente di tonno con sede a Labhan Lombok, carica il pescato del mattino su un camion per un viaggio di quattro ore verso Bali, dove il pesce verrà filettato ed esportato. Foto di: Metati Kaye.

In occasione dell’International Coastal Tuna Business Forum, tenutosi a Bali il mese scorso e a cui hanno preso parte aziende come Chicken of the Sea e il gigante inglese del settore alimentare Sainsbury, a fornitori come Intimas Surya è stato detto che non la otterranno.

Ora come ora, gli oneri su pescatori e fornitori locali per una migliore gestione della pesca superano gli incentivi, ma la situazione potrebbe cambiare se il governo indonesiano intervenisse a livello federale e locale.

“Se i progetti di miglioramento della pesca vanno bene, possiamo sperare in informazioni più attendibili, in una migliore gestione degli stock, in aziende più rispettose delle regole,” ha dichiarato a mongabay.com il Direttore Generale della Commercializzazione e della Lavorazione per il Ministero Indonesiano della Pesca, Saut Hutagalung. “I progetti di miglioramento della pesca sono un passo verso una gestione sostenibile e responsabile della pesca.”

Il Direttore Generale della Pesca di Cattura del ministero, Gellwyn Yusuf, sostiene di appoggiare appieno un miglioramento dei dati di valutazione degli stock per paura che la pesca del tonnetto striato possa crollare come successe nel 1992 alla pesca del merluzzo nordico. Tuttavia, aggiunge che questi sforzi avranno successo solo con la partecipazione delle amministrazioni locali.

“Osserviamo riluttanza quando cerchiamo di coinvolgere le amministrazioni locali,” ha ammesso Yusuf. “Dobbiamo avere pazienza e convincerle del beneficio effettivo a lungo termine di tutto questo.”

Come i fornitori locali, “vogliono risultati immediati, guadagni.”

Citazioni:

Articolo pubblicato da
, , ,